Finanziamento illecito:assolvere Scajola

Il pm Alessandro Bogliolo ha chiesto l'assoluzione, "perché il fatto non sussiste", nel processo per finanziamento illecito a singolo parlamentare, che vede imputato l'ex ministro Claudio Scajola, accusato di aver ottenuto sconti sui lavori di ristrutturazione di Villa Ninina, la residenza imperiese di famiglia. Chiesta l'assoluzione anche per l'imprenditore Ernesto Vento, titolare della Arco, che eseguì gli interventi, a partire dal 2004. L'accusa riteneva che i pagamenti per la ristrutturazione della villa fossero inferiori rispetto al valore. Da qui l'ipotesi di illecito finanziamento. Scajola ha sempre negato gli addebiti. Ipotesi confortata dall'ingegnere Lorenzo Branca che nella relazione della perizia ha definito congrue le cifre pagate.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Bardineto

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...